Belluno 25 ottobre 2011_«Finalmente si è aperta una breccia per abbattere la logica dei campanilismi, anacronistici e controproducenti, da sempre il vero dramma di questa provincia». Così il portavoce bellunese di Verso Nord, Giancarlo Ingrosso, dopo aver appreso la notizia che le Conferenze dei sindaci dell’Ulss 1 e 2 elaboreranno insieme le osservazioni al Piano socio sanitario regionale. «Ma tutto ciò è solo la premessa necessaria del lavoro da fare – dichiara Ingrosso -. Vogliamo capire se le due Conferenze lavoreranno per un piano integrato di tutta la provincia oppure no. E’ fondamentale, oggi più di ieri, agire uniti nell’interesse dei bellunesi su un tema di vitale importanza come la sanità. Un esempio delle conseguenze nefaste che può generare il mancato dialogo, lo abbiamo avuto con l’ente Provincia che ha portato alla deflagrazione di un ente così strutturato a fronte di una unione di intenti non trovata».
 
Ingrosso ha poi ribadito la posizione di Verso Nord sulla questione. «Tutti i cittadini bellunesi hanno il sacrosanto diritto ad avere una sanità di qualità come gli abitanti del resto del Veneto. Noi non diciamo che bisogna tagliare, ma evitare i doppioni, quelli inutili e addirittura dannosi se portano via risorse per interventi di emergenza e salvavita che oggi non sono garantiti e che devono rappresentare la priorità assoluta. Bisogna salvaguardare i reparti di eccellenza e costruire una rete tra i vari ospedali che devono restare dove sono. Per fare questo dobbiamo pensare alla qualità della sanità non all’ospedale tuttofare che fa tutto e che fa male, se vogliamo evitare di emigrare fuori provincia. Perché c’è il rischio concreto che, di questo passo, andremo tutti a curarci a Treviso».
 
«Vi interessa di più avere a 30 chilometri da casa un reparto dove siete curati bene o un ospedale a 3 chilometri da casa dove questa qualità non può essere garantita? Ma attenzione, questo non  vuol dire che viene concentrato tutto su Belluno, ma che tutti possono avere la loro salute, senza sovrapposizioni».
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *